Per comprendere qual è il livello di preparazione raggiunto dalle aziende italiane in tema di gestione dei rischi cyber, TIG ha svolto invece quest’anno la sua indagine annuale “Cyber Risk Management Survey 2023” in collaborazione con CSA – Cyber Security Angels, associazione che raccoglie responsabili della sicurezza aziendale interessati a fare rete e a condividere esperienze e informazioni sui temi cybersecurity. Sono state così raggiunte 200 aziende, per lo più di media e grande dimensione.

Dall’indagine emerge che a fronte di una crescita ed evoluzione costante delle minacce, l’esperienza di incidenti informatici (es. attacchi Ransomware) è sempre più diffusa. Ad esempio, oggi un 40% di aziende dichiara di aver sofferto in passato di un attacco ransomware. È una percentuale molto alta, ma si spiega con il fatto che questo tipo di attacchi affliggono le nostre realtà pubbliche e private da almeno un decennio. Inoltre, gli attacchi sono diventati nel tempo sempre più mirati ed efficaci, per cui la probabilità di caderne vittima è sempre più alta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *